Come trasformare gli scarti in energia

Difficicle trovare un settore complesso quanto quello dei rifiuti, dove economie e ambiente si intrecciano e scontrano. Questo, magra consolazione, accade in tutti i paesi industrializzati, tuttavia in Italia assume caratteri estremi.

Nel 2017 abbiamo prodotto poco meno di 30 milioni di tonnellate di rifiuti solidi urbani, il 10% in meno in 10 anni a causa, o grazie, alla decrescita economica. Il riciclo arriva al 30%, uno dei valori piu' alti in Europa e con il 21% di compostaggio, il trattamento dell'umido, si supera il 50% di gestione vistuosa.

E' la rimanente meta' che non funziona, perche' in discarica ci va ancora un quarto del totale, circa 7 milioni di tonnellate che potrebbero essere in parte riciclate e in parte bruciate per fare energia. L'esperienza dei paesi del Nord Europa e' chiara: per ridurre al minimo il ricorso alla discarica occorre aumentare il recupero energetico, cioe' oltre il 30% del totale (da noi e' il 20%).

L'energia che ogni anno viene buttata via nelle discariche e' dell'ordine di 2 milioni di tonnellate (equivalenti ad altrettanto petrolio) e, visto che il prezzo dell'energia e' intorno ai 450 auro per tonnellata, lo spreco e' di 0,9 miliardi di euro l'anno.


Fonte: La Repubblica - 24 aprile 2019 (rassegna stampa Unindustria) > leggi l'articolo


Privacy Policy Cookie Policy